• Gio. Feb 29th, 2024

Non sei sola esci dal silenzio

Nov 22, 2023

Dal 22 al 26 novembre, tutta la Croce Rossa e il Comitato Regionale della Sicilia sostengono la lotta contro la violenza sulle donne, promuovendo un’iniziativa dedicata all’informazione e diffusione del 1522, il numero gratuito di pubblica utilità antiviolenza e stalking.

Attivato nel 2006 dal Dipartimento per le Pari Opportunità con l’obiettivo di fare riflettere sull’importanza della prevenzione ma anche sul coraggio che ogni donna dovrebbe avere nel denunciare chi le fa del male.

Il numero “1522” che richiama il claim: “Non Sei Sola Esci dal Silenzio” dichiara Luigi Corsaro, Presidente Regionale della Croce Rossa siciliana “rappresenta un’ancora di salvezza per le donne, ha come obiettivo quello di aumentare la consapevolezza rispetto alle molteplici forme con cui la si manifesta la violenza al fine di prevenire atti unilaterali estremi e di cui non si può più tornare indietro”.

Sono tanti i testimonial di tutti i settori, che hanno aderito a questa Campagna, in particolare hanno anche partecipato alcuni interpreti individuati dai Consolati per far si che la diffusione del numero 1522 abbia una diffusione multilingue.

Un grande manifesto rosso, composto da frasi contenenti tutti i “se” che richiamano ogni atto di violenza contro le donne, sarà appeso al cancello di ingresso del comitato regionale della CRI Sicilia, di via Piersanti Mattarella, 3 a Palermo, assieme a un paio di scarpette rosse, a ricordare l’idea del 2009 venuta all’artista messicana Elina Chauvet come istallazione per denunciare gli abusi sulle donne e il femminicidio. Da allora, sono diventate il simbolo della lotta per i diritti delle donne contro la violenza.Inoltre, per terra o appese nel cancello della Croce Rossa, saranno posizionate delle bambole rotte che riprendono una tradizione indiana secondo la quale, ogni volta che una donna subisce violenza, una bambola viene affissa sulla porta della sua casa. Chiunque abbia la possibilità di recarsi al cancello, puo’ appendere la sua bambola o un paio di scarpe rossa come testimonianza della lotta contro la violenza.