SOSJ
neutro1b
 .     .{slider Slider Title 

 

Migranti, giovedì 6 a Trapani meeting finale progetto fami silver delle ASP siciliane dopo due anni di attività

equipe Silver

TRAPANI - Un'attività durata due anni con otto grandi obiettivi raggiunti, primo fra tutti quello di portare assistenza in Sicilia ai migranti con traumi psicologici legati al viaggio. Silver, il progetto del Fami del Ministero dell'Interno, si avvia così alla conclusione, dopo un'azione capillare e incisiva sul territorio che ha coinvolto otto delle nove Aziende sanitarie provinciali dell'Isola coordinate dall'Asp 9 di Trapani, cui hanno prestato supporto 11 partner del privato sociale, offrendo supporto ai destinatari di protezione internazionale e richiedenti asilo, sia adulti che minori.

Giovedì prossimo 6 dicembre alle 10,30 si aprirà a Trapani il meeting finale alla presenza di alte cariche istituzionali e del mondo del volontariato internazionale, in una cornice dal forte valore simbolico, il Centro polifunzionale per l'integrazione dei migranti (contrada Cipponeri), in quanto bene sequestrato a Cosa nostra e restituito alla collettività. Sarà un momento di confronto, in cui si farà il punto delle diverse esperienze e dell'eredità di Silver.

Dopo i saluti delle autorità, l'apertura dei lavori sarà affidata alla lectio magistralis di Gioacchino Lavanco, direttore del dipartimento di Scienze psicologiche e pedagogiche dell'Università di Palermo, che parlerà della necessità dell'"altro", riflettendo sulla costruzione di ponti o guadi nell'attuale società dell'inclusione. La riflessione si sposterà sui flussi migratori dall'Africa e sul ruolo delle società nel processo di accoglienza con l'intervento di Tana Anglana, senior specialist di Migrazione e sviluppo. A indirizzare il dibattito sulla tutela delle persone richiedenti asilo e rifugiate portatrici di esigenze specifiche sarà Laura Cantarini, responsabile dell'area "Persone con bisogni particolari" dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), mentre Massimiliano Aragona, psichiatra dell'Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti ed il contrasto delle malattie della povertà (Inmp), si focalizzerà sulle reazioni psicopatologiche nei richiedenti asilo, parlando sia delle difficoltà diagnostiche che delle modalità di intervento.

Un lavoro di squadra che ha permesso la realizzazione di "tanti progetti in un unico progetto", spiega Sergio Celano, coordinatore di Silver, che aggiunge: "Abbiamo creato ambulatori per adulti e minori in tutte le Asp coinvolte con equipe multidisciplinari dedicate, inaugurato unità mobili che si sono spostate nei centri di accoglienza, attivato pacchetti di formazione destinati a tutti gli operatori per arricchire il loro bagaglio di un approccio antropologico e transculturale. Abbiamo assegnato borse lavoro per l'inserimento sociolavorativo dei migranti, messo a punto una rete strategica con altre istituzioni ed enti presenti nel territorio, finanziato due ricerche scientifiche, creato una banca dati elettronica condivisa fra le Asp e una piattaforma di chiamata del mediatore anche a distanza su base nazionale e, infine, definito delle procedure operative standard".

A tenere le fila del progetto è stata l'Asp 9 di Trapani, che è riuscita a coinvolgere, afferma il responsabile del Fami Silver, Antonio Sparaco, "una squadra eterogenea che, pur nella sua complessità, si è rivelata efficace. L'Azienda sanitaria di Trapani ha saputo mettere in rete soggetti diversi, del pubblico e del privato, che hanno lavorato fianco a fianco per raggiungere tutti gli ambiziosi obiettivi Silver. Certo, come in ogni progetto di questo spessore, non sono mancate criticità – ammette Sparaco – ma siamo riusciti sempre ad affrontarle e, dal loro superamento, ne è emerso un network capillare di assistenza al migrante ancora più robusto".
E conclude: "Silver lascia un'eredità preziosa che continuerà a dare i suoi frutti anche negli anni a venire. Rimane un'impronta antropologica e transculturale, uno stile di lavoro di equipe e in particolare delle prassi operative sperimentali ormai consolidate che abbiamo provato a standardizzare a beneficio di tutti gli attori del settore".

E proprio delle procedure operative standard, le Pos, parleranno al convegno Giuseppina Cassarà e Fulvio Vassallo Paloeologo, che nel corso di questi due anni hanno coordinato i tavoli di lavoro, da cui sono emerse, a partire dall'opera sul campo e dall'esperienza degli altri interlocutori, cinque dettagliati protocolli di accoglienza, dal momento dello sbarco e identificazione fino alla presa in carico dei soggetti più vulnerabili, con l'intenzione di essere proposte ed eventualmente adottate a livello regionale e nazionale. In particolare le Pos hanno riguardato le vittime di tortura, le vittime di tratta, le vittime di traumatizzazione vicaria, la violenza di genere e i minori stranieri non accompagnati.

All'evento saranno presenti delegati di Unhcr, Organizzazione mondiale della sanità, Medici senza frontiere, Save the children, Organizzazione internazionale per le migrazioni, Terre des hommes, dipartimento di Giustizia minorile del ministero e altre realtà che a vario titolo hanno collaborato col progetto.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Comments:

Consiglio Comunale ordinario

Mazara del Vallo

26 Settembre 2018

Consiglio Comunale

______________________

Consiglio Comunale ordinario

Mazara del Vallo

05 Settembre 2018

Consiglio Comunale

-

Copyright © 2013 TeleIBS | Editore: IBS s.r.l. - Via Val di Mazara 124, Mazara del Vallo (TP)

Testata registrata al Registro del Tribunale di Marsala n. 189 del 12.07.2010

Sul web il nuovo numero de L'Opinione Quindicinale

O

p

e

n