Sulle origini del toponimo Preola

Categoria: Cultura e Sociale
Creato Giovedì, 11 Agosto 2011 10:48
Scritto da Vincenzo Sciabica
Visite: 1032

Per i marsalesi e gli abitanti delle contrade prossime a Mazara del Vallo, il lago era, però, meglio noto come “Piòla” o “Vurga Longa”. Piòla da piolo, ovvero una sorta di asse stretto e lungo posto tra i Gorghi Murana e Ballatore, dai nomi di vecchi proprietari di terreni limitrofi. Gli altri due gorghi, prima che venisse istituita la riserva naturale e fossero ribattezzati Medio e Basso, si chiamavano Avvocato e Lentini anche loro vecchi proprietari di terreni confinanti. Vurga o Gurgu sta per Gorgo o Gorga  e significa voragine, quindi, anche laghetto come il Preola che è, infatti, un piccolo specchio d’acqua naturale stretto e lungo, interposto come un piolo o Piòla, considerato che Vurga è femminile,  tra i due gorghi dalla conformazione circolare.Plaja o Praju che significa lido o spiaggia che scende dolcemente verso l’acqua, quindi, il derivato Plajula, scambiato per Preola,  è un’altra ipotesi riconducibile però alla morfologia della parte estrema est del lago e non della parte estrema sud-occidentale che originariamente era rocciosa e ricoperta da macchia mediterranea bassa, bonificata per fare posto ai vigneti. L’estrema parte est, un tempo denominata “Agniuni”, scendeva appunto più dolcemente verso l’acqua, formando un piccolo spiazzo, una sorta di piccola spiaggia, Plaja, dove, tra i giunchi, sgorgava una sorgente che è stata tombata negli anni Ottanta del secolo scorso e sopraffatta da un vigneto a tendone. Con la fine della grande siccità degli anni 80/90, oggi, il vigneto è stato raggiunto e soffocato dalle acque che andrebbero liberate dai sostegni che facevano da preola, ovvero da impalcatura, come le pareti dei costoni che, ricoperti dalla vegetazione naturale, scendono sul lago.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Comments:

Download SocComments v1.3