SOSJ
neutro1b
 .     .{slider Slider Title 

 

Provvedimento disciplinare nei confronti di Vito Di Giovanni

Di Giovanni VitoMAZARA DEL VALLO - Nei giorni scorsi in alcune testate giornalistiche è uscita la notizia che Vito Di Giovanni dipendente della 'Srr Trapani Sud', fedelissimo di Nicola Cristaldi e segretario del movimento "Futuristi", personaggio molto attivo politicamente e conosciutissimo a Mazara del Vallo, era stato raggiunto da un provvedimento disciplinare. Noi avevamo deciso di non parlarne, ritenendo un provvedimento disciplinare interno alla "Srr Trapani Sud" non congruo ad interesse pubblico, ma qualche giorno fa abbiamo ricevuto un comunicato da parte dello stesso Vito Di Giovanni a riguardo, che ha trasformato questa, inizialmente non notizia ma gossip, in notizia di rilevanza pubblica a cui non potevamo più sottrarci. Ma cosa è successo? Perché si è arrivati a questo provvedimento disciplinare nei confronti di Vito Di Giovanni?
Di Giovanni riceve una lettera, il 3 Settembre, in cui gli viene contestato di aver scritto e condiviso alcuni post sul social network Facebook con "accuse e pesanti commenti di vario genere all'operato ed alla moralità del Comune di Mazara del Vallo", ricordiamo che Mazara del Vallo è il socio di maggioranza relativo della 'Srr Trapani Sud', società di cui è dipendente Di Giovanni.
Insomma gli viene contestato di aver scritto dei commenti fortemente critici contro il Comune di Mazara del Vallo in riferimento alla raccolta dei rifiuti e di averlo addirittura fatto durante l'orario di lavoro.
Nella nota alla stampa Vito Di Giovanni ha scritto:
"Non so chi abbia potuto dare la nota compresa, la relata di notifica, alla stampa ma che la stessa abbia avuto risonanza giornalistica mi inquieta.
Ho sempre ribadito la distinzione tra il ruolo politico e quello professionale e mi dispiace che gli articoli giornalistici vengano inseriti elementi estranei alla vicenda che riguardano il mio passato. Appare evidente il tentativo di demonizzare, a tutti i costi, la mia figura.
Tengo a precisare che la dichiarazione attribuita all' On. Cristaldi è un commento ad un mio post che solo gli addetti ai lavori potevano riconoscere come collegato al procedimento disciplinare. Mi riservo ogni azione giudiziaria".
Una frase che mi ha particolarmente colpito è: "elementi estranei alla vicenda che riguardano il mio passato". Non tutti lo sanno, quindi per far comprendere meglio questa nota, farò un piccolo riassunto. Di Giovanni è stato di recente assolto in un processo dall'accusa di estorsione e violenza privata. Nel 2013 secondo l'accusa, il dirigente della Belice Ambiente avrebbe tentato, nella qualità di responsabile delle risorse umane della società, di costringere un dipendente a desistere dal pignoramento promosso nei confronti della stessa società: pignoramento da poco meno di ventimila euro, somma vantata dal dipendente così come sentenziato dal giudice del lavoro con sentenza emessa nel 2012. Per quanto riguarda il reato di violenza privata, invece, per l'accusa il dirigente della Belice Ambiente, utilizzando la sua posizione predominante in seno all'azienda rispetto al dipendente, avrebbe minacciato lo stesso dipendente di non fargli erogare lo stipendio mensile e lo avrebbe costretto a tollerare il suo trasferimento presso la discarica di Campobello di Mazara, senza la preventiva cognizione delle mansioni che avrebbe dovuto svolgere, ricordiamo che Di Giovanni è stato assolto da tutto questo. Vito Di Giovanni è stato anche consigliere comunale di Mazara. Coinvolto in uno scandalo sull'utilizzo dei rimborsi da consigliere, patteggiò, qualche anno fa, una pena per peculato e si dimise da consigliere comunale. Per Di Giovanni, persona molto vicina al Sindaco Cristaldi, fu pronto un ripiego nell'Ato Tp 2 "Belice Ambiente". Poi, con lo scioglimento di "Belice Ambiente", il passaggio all'erede 'Srr Trapani Sud' con il ruolo di funzionario.
Anche il Sindaco Quinci stimolato da una domanda fatta durate la conferenza stampa, ha parlato del provvedimento disciplinare nei confronti di Di Giovanni. Il Sindaco Quinci ha dichiarato: "Il Dott. Di Giovanni lavora per 'Srr Trapani Sud' che è un consorzio erede di 'ATO Belice Ambiente'. La 'Srr Trapani Sud' ha dislocato 14 lavoratori presso il comune di Mazara del Vallo, nella cosiddetta struttura ARO, questa struttura ha un unico scopo, coadiuvare il comune di Mazara del Vallo nella raccolta dei rifiuti, il Dott. Di Giovanni è stato nominato coordinatore di questo gruppo di lavoratori della 'Srr Trapani Sud' con delibera dell'ex vice Sindaco Bonanno se non ricordo male, questi dipendenti vengono pagati dal comune di Mazara del Vallo, in che modo?, 'L'Srr Trapani Sud' fattura al comune di Mazara del Vallo ogni anno il costo di questi dipendenti che poi provvede al pagamento. Il Sindaco di Mazara del Vallo in questa situazione non è parte attiva. Non centro nulla con questa situazione! Mi è stato riferito che il Dott. Di Giovanni attraverso i social ha continuamente attaccato pubblicamente la gestione dei rifiuti e questa situazione a me dispiace, tra l'altro ha comunicato dei dati che non sono molto veritieri. Ho avuto un'interlocuzione con il Presidente della 'Srr Trapani Sud', il Sindaco di Partanna Nicola Catania, che mi ha raccontato tutto l'iter di quello che sta succedendo, sta succedendo che è stato contestato al Dott. Di Giovanni l'avvio di un procedimento disciplinare, (adesso lo possiamo dire perché è di pubblico dominio) in pratica si tratta di un lavoratore dipendente che durante l'orario di servizio, utilizza i social network per parlare male del servizio di raccolta e cosi facendo viene meno al proprio dovere di fedeltà nei confronti dell'azienda da cui dipende, cioè 'Srr Trapani Sud'. Il compito di 'Srr Trapani Sud' è coadiuvare il Comune di Mazara del Vallo nella raccolta dei rifiuti, un dipendente come può parlare male della raccolta dei rifiuti a Mazara del Vallo? C'è tanta giurisprudenza al riguardo, so di essere stato attaccato su questa vicenda anche se in tutto ciò non ho parte attiva, dai soliti giovani consiglieri che hanno tanto da dire e nulla da proporre, che ci accusano di essere dittatori e che reprimiamo il diritto di esprimere opinioni e su questo mi vien da ridere. Forse perché ho tanta esperienza di lavoro in pubblica amministrazione, perché è normale che un dipendente di una azienda non può rilasciare dichiarazioni pubbliche contro la propria azienda, studiamo, andiamo a vedere la giurisprudenza che stabilisce le sanzioni disciplinari in materia, io ho esperienza su queste cose che non intendo approfondire in questa sede. Immaginate una carrozzeria dove c'è un dipendente che scrive su Facebook che 'il mio datore di lavoro usa prodotti scarsi, non è capace di organizzare il lavoro', secondo voi il carrozziere si tiene quel dipendente o gli dice 'gioia mia forse non è il caso che stiamo insieme', sono cose banali che con il diritto di esprimere le proprie opinioni pubbliche non hanno nulla a che fare, lui ha ricevuto la contestazione perché è venuto meno all'obbligo di fedeltà al proprio datore di lavoro, perché ha parlato male del servizio di raccolta che è il suo incarico, per chiudere la polemica e non ne voglio più parlare, io ho chiesto conto al Sindaco Catania su cosa è stato fatto in questi mesi dai suoi dipendenti, perché il Comune gli paga le fatture e io ho l'obbligo di chiedere lumi sul servizio reso, attendo una risposta ufficiale, forse è per questo che il Sindaco Catania in qualche modo ha attivato questo procedimento disciplinare, forse perché si vuol tutelare da un'eventuale azione del comune di Mazara del Vallo che è socio al 35,5% di 'Srr Trapani Sud', - e conclude - ricordo che questi dipendenti li paghiamo noi perché ci aiutino a coadiuvarci nella raccolta dei rifiuti".
Il Sindaco Quinci è stato molto chiaro in merito, la legge non ti permette di parlar mala della tua stessa azienda, inoltre se sei proprio tu il responsabile del settore che dovrebbe aiutare a coadiuvare la raccolta rifiuti come fai a parlarne mare della stessa, se non funziona agisci di conseguenza, risolvi il problema.

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Comments:

-

Copyright © 2013 TeleIBS | Editore: IBS s.r.l. - Via Val di Mazara 124, Mazara del Vallo (TP)

Testata registrata al Registro del Tribunale di Marsala n. 189 del 12.07.2010

Sul web il nuovo numero de L'Opinione Quindicinale

O

p

e

n