SOSJ
neutro1b
 .     .{slider Slider Title 

 

Blitz della Guardia Costiera al Porto Pescherecci di Trapani

Tonno RossoTRAPANI - Continua la delicata attività di tutela della filiera della pesca da parte della Guardia Costiera del capoluogo trapanese. Nella nottata tra il 23 e il 24 maggio 2018, i militari del Nucleo di Polizia Giudiziaria hanno svolto un'altra azione di repressione sulla commercializzazione illegale di prodotti ittici, effettuando un sequestro di tonno rosso privo del prescritto documento di cattura e pronto per essere immesso sul mercato clandestino.
Nello specifico, a seguito di una significativa attività di monitoraggio, intorno alle 02,30 del 24 maggio 2018 venivano istituiti posti di controllo presso le vie principali di accesso al porto pescherecci di Trapani al fine di ispezionare i mezzi di trasporto di prodotti ittici. Durante le verifiche, nei pressi di Piazza Scalo di Alaggio è stato intercettato furgone proveniente da Mazara del Vallo con a bordo kg.200 di tonno rosso (Thunnus thynnus), in filoni, del valore commerciale di circa €.3.000, destinato alla vendita illegale. Dai controlli esperiti, infatti, è emerso che il tonno non era accompagnato dal necessario documento di cattura (Bluefin Catch Document) e pertanto i militari hanno proceduto al sequestro per la successiva confisca, mentre al trasportatore sono state contestate violazioni per complessivi €16.000.
La cattura del tonno rosso è oggetto di particolare normativa, questo perché la forte richiesta del prodotto in passato ha messo a rischio la sopravvivenza della specie. La Commissione internazionale per la conservazione del tonno (ICCAT) ha dovuto disciplinare questo settore con raccomandazioni precise, recepite in regolamenti dalla Commissione europea, per ridurre lo sforzo di pesca e permettere il riequilibrio tra le quantità di tonno rosso pescato e la capacità riproduttiva dell'animale.
In tutti gli Stati membri è stato introdotto da anni un contingente o quota di cattura massima, oltre ad una taglia minima da rispettare per gli esemplari catturati. Tutte le imbarcazioni autorizzate alla pesca pertanto registrano le catture e comunicano agli organi di vigilanza i quantitativi di tonni pescati, in modo che, una volta raggiunti i kg della quota annuale assegnata, venga disposto il fermo pesca. Non solo il pescatore deve effettuare le comunicazioni alle Capitanerie di porto, ma le comunicazioni vanno fatte anche dai rivenditori successivi, cosicché, in ogni momento, gli organi di controllo sappiano esattamente la storia dell'esemplare, dalla barca fino all'ultimo esercente, pescheria al dettaglio o ristorante che sia.
L'attività di controllo sulla tracciabilità del prodotto ittico rientra nelle più ampie competenze del Corpo delle Capitanerie di porto in materia di tutela della risorsa ittica, tra i cui obiettivi vi è senza alcun dubbio la tutela del consumatore finale, nell'interesse pubblico della sicurezza alimentare.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Comments:

Consiglio Comunale ordinario

Mazara del Vallo

26 Settembre 2018

Consiglio Comunale

______________________

Consiglio Comunale ordinario

Mazara del Vallo

05 Settembre 2018

Consiglio Comunale

Spot ufficiale Blue Sea Land

 Mazara del Vallo

Blue Sea Land 2018

 __________________________

 

-

Copyright © 2013 TeleIBS | Editore: IBS s.r.l. - Via Val di Mazara 124, Mazara del Vallo (TP)

Testata registrata al Registro del Tribunale di Marsala n. 189 del 12.07.2010

Sul web il nuovo numero de L'Opinione Quindicinale

O

p

e

n